MASI AGRICOLA

Facebook MasiTwitter MasiYoutube MasiTwitter MasiFlicker Masi
itaeng
VENDEMMIA 2017

VENDEMMIA 2017

Bollettino Gruppo Tecnico Masi, 01/09/2017

L’annata del 2017 si è caratterizzata per diffuse e inattese gelate primaverili e periodi di caldo oltre le medie nonché siccità insolita. Ad esempio, nel veronese il livello delle precipitazioni dall’inizio dell’anno ad oggi è di mm 300, mentre la media del periodo supera i mm 500.
Tuttavia, le aree storiche vocate, come la Valpolicella Classica e la parte elevata delle colline moreniche del Bardolino, presentano una buona produzione sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. Le conseguenze di gelo e siccità hanno, invece, interessato in particolare le aree più recentemente vitate che si sono estese a sud del Lago di Garda e nella parte pianeggiante verso l’Est Veronese. Questo a dimostrazione che la scelta di insediamento viticolo dei nostri padri era più oculata, tenendo conto dei siti ideali.

In generale, le condizioni climatiche hanno portato a una precocità di maturazione che si può valutare attorno ai 10 giorni.

Valpolicella Classica

Corvina, Rondinella e Molinara stanno terminando l’invaiatura, si prevede che la vendemmia inizierà tra la fine della prima decade e l’inizio della seconda decade di settembre a partire dalla bassa collina, per poi procedere nei vigneti di alta collina, in anticipo di qualche giorno rispetto all’anno precedente. L’Oseleta non ha ancora terminato l’invaiatura. Da un punto di vista quantitativo, si prevede una produzione nella media.
Da un punto di vista qualitativo, prevediamo un’annata particolarmente interessante per le uve da appassire per gli Amaroni, dal Costasera ai cru Mazzano e Campolongo.
Per quanto concerne i vigneti Serego Alighieri, presentano ottimo stato di maturazione il Sauvignon bianco e la Garganega, oltre alla caratteristiche uve della Valpolicella: eccellente la promessa per l’Amarone Vaio Armaron.

Friuli

La raccolta delle uve Pinot Grigio e Verduzzo per il Masianco è iniziata il 21 agosto. Le uve Refosco per il Rosa dei Masi e il Grandarella e le uve Refosco e Merlot per il Modello Rosso si trovano in ideali condizioni sanitarie, e la vendemmia comincerà tra qualche giorno.
La quantità è inferiore alla media a causa di limitati danni da gelata tardiva.

Rovereto

Presso gli storici vigneti di Fojaneghe, al fine di mantenere un’adeguata acidità delle uve e successivamente dei mosti, la vendemmia è iniziata l’11 agosto con le varietà Pinot Nero destinate alla produzione dello Spumante Conte Federico provenienti da vigne giovani, il 18 agosto per le uve Pinot Nero e Chardonnay provenienti da vigneti in produzione da alcuni anni. L’uva si presenta in ottimo stato sanitario, con ottima acidità e contenuto aromatico. Il 21 agosto è iniziata la raccolta del Pinot Grigio per il Pian del Griso, che ha raggiunto un buono stato di maturazione ed è ricca in acidità ed aromi. Il Traminer e lo Chardonnay del Vign’Asmara sono in ottime condizioni sanitarie e stanno completando la loro maturazione. La complessità aromatica è favorita dalla buona escursione termica giornaliera di questo periodo. Le uve Merlot, Cabernet Franc e Teroldego del Fojaneghe presentano condizioni sanitarie eccellenti; la vendemmia è prevista in settembre inoltrato, così come quella del Marzemino per Mas'est. La produzione è nella media e non è stata interessata da gelo tardivo.

Canova e altri vigneti Masi del Bardolino Classico

Le uve Corvina e Rondinella stanno completando la fase di invaiatura e si trovano in buone condizioni sanitarie, nonostante alcuni danni da gelata che hanno ridotto la quantità nei vigneti di pianura.
Dal punto di vista qualitativo, ci aspettiamo una buona vendemmia.

Soave Classico

Ottime le condizioni di Garganega e Trebbiano di Soave per il Levarìe. La tipica Pergola veronese ha aiutato a contenere le avversità e l’eccessivo calore. La raccolta delle uve si prevede in anticipo di circa una settimana con quantità nella media.

Valdobbiadene zona storica del Prosecco Superiore

I vigneti, ad esclusione di una piccola porzione, non hanno subito alcun danno da gelo.
La vendemmia è già iniziata con lo Chardonnay e comincerà con la Glera tra dieci giorni.
La previsione di produzione dal punto di vista quantitativo è nella media.

Toscana

La quantità è condizionata da fenomeni pur limitati di gelo tardivo. Sangiovese, Canaiolo e Ciliegiolo sono in piena maturazione. La vendemmia è iniziata il 23 agosto a partire dalle uve provenienti dai vigneti più giovani. Il caldo secco ha favorito la lavorazione biologica della tenuta; ci attendiamo una quantità molto buona.

< Indietro