MASI AGRICOLA

Facebook MasiTwitter MasiYoutube MasiTwitter MasiFlicker Masi
itaeng
IL RISTORANTE BIFFI BRINDA CON MASI PER I SUOI 150 ANNI

IL RISTORANTE BIFFI BRINDA CON MASI PER I SUOI 150 ANNI

18/09/2017
Si è brindato con i vini Masi al Ristorante Biffi di Milano durante i festeggiamenti del 150° compleanno del celebre locale di Galleria Vittorio Emanuele II, nato il 15 settembre 1867.

Un importante anniversario che Biffi ha celebrato offrendo al pubblico milanese un calice di Prosecco Superiore Docg di Canevel e a seguire una cena esclusiva per amici e collaboratori tenutasi presso lo storico locale che ha ospitato nel corso degli anni personalità illustri come Hemingway e Toscanini. Le etichette della storica maison della Valpolicella hanno accompagnato ogni portata della serata firmata dallo chef di casa Masi Vitangelo Galluzzi di Tenuta Canova che, per l’occasione, ha realizzato un menù di impronta veneta, con piatti tipici come il risotto al vino Campofiorin con tributi a oltre mezzo secolo di storia meneghina, come la Torta Garibaldi, tradizionalmente proposta dal locale a ricordo di uno dei clienti più illustri del locale durante la seconda metà dell’800.

Una festa unica che ha siglato ancora di più l’amicizia di Tarcisio De Bacco – proprietario del Biffi – e la famiglia Boscaini che per l’occasione ha stappato l’edizione speciale del Campofiorin (2014) che celebra il cinquantesimo anniversario di questo iconico rosso Masi.

Alessandra Boscaini, settima generazione e direttrice vendite di Masi ha così commentato: “La storia onora la storia, un’azienda di lunga tradizione come Masi non poteva mancare nell’occasione di questa celebrazione; del resto i nostri vini da decenni arricchiscono i tavoli del prestigioso locale milanese apportando un messaggio di qualità, di italianità vera e di amore del territorio alla distinta clientela internazionale. Alcuni pensano sia un valore demodé, ma il lungo rapporto commerciale maturato nella stima e nella correttezza si è trasferito in una sentita amicizia tra la nostra famiglia e quella di Tarcisio de Bacco.”

< Indietro